Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo del cookie.

Articles

La mia bimba si chiama Sara, oggi è un piccolo angioletto biondo di 4 anni e mezzo che, quando è nata, a sole 27 settimane e 5 giorni di gestazione pesava solo 750 gr… un “ragnetto” pelle ed ossa che al cuore di mamma e papà è parsa pure bella!

Credo sia difficile, per chi ha la fortuna di non doverlo provare, immaginare l’ansia e la paura che accompagnano quei mesi passati attaccati al vetro dell’incubatrice a guardare tua figlia che combatte ogni giorno contro i pericoli (e sono tanti…) dell’essere nati prematuri… e tu che dovresti aiutarla e proteggerla non puoi fare nulla!

Per fortuna accanto a loro, in quei mesi in cui puoi toccarli solo attraverso i “buchi” dell’incubatrice e dire loro quanto li ami, ci sono medici ed infermieri della TIN che si prendono cura di loro e fanno tutto ciò che è umanamente possibile per aiutare i nostri piccoli a crescere ed uscire sani da questa durissima avventura.


Normalmente quando si chiede ad una mamma: “qual è stato il momento più bello della tua vita?” risponde: “quando è nato mio figlio!”… Il mio momento più bello è stato quando, a più di un mese dalla sua nascita, un’infermiera mi ha detto che potevamo iniziare la “marsupio-terapia”… l’ha dolcemente estratta dall’incubatrice ed io ho abbracciato per la prima volta la mia bambina… era così piccola!
Per fortuna oggi è una bella bimba sana, vivace e davvero “felice di vivere”, lo si capisce dalla sua allegria e curiosità. Non c’è stata sera, in questi anni, in cui io, mettendola a letto, non abbia ringraziato Dio e la TIN di Cuneo.


Tiziana